Samsung per fare batterie EV senza cobalto

Sappiamo tutti molto bene che le batterie dei nostri telefoni hanno elementi che hanno una buona presenza sulla terra come nel caso del litio. Tuttavia, fanno anche uso di quelli più scarsi e costosi, come il cobalto. Ma, ora, secondo le ultime notizie, il gigante sudcoreano Samsung si sta preparando a realizzare batterie EV senza cobalto.

Contenuto showSamsung To Make Cobalt-Free EV BatteriesSamsung si sta preparando a produrre batterie prive di cobaltoAnche le batterie a corrente di riciclo sono un’opzione che si sta considerando

Samsung To Make Cobalt-Free EV Batteries

Le batterie dei nostri telefoni hanno elementi che hanno una bella presenza sulla terra come nel caso del litio. Tuttavia, fanno anche uso di quelli più scarsi e costosi, come il cobalto. Questo minerale ha aumentato il suo prezzo del 235% nel 2017, passando da 34.600 dollari per tonnellata a 81.360 dollari. Samsung SDI, uno dei maggiori produttori al mondo, potrebbe fare a meno di questo minerale.

Samsung si prepara a produrre batterie senza cobalto

Questo è stato confermato dal Korea Times. Secondo quanto affermano, la Samsung SDI sta lavorando per trovare un modo per realizzare batterie con poco cobalto o addirittura farne a meno, almeno nel caso delle batterie per auto elettriche.

L’aumento del prezzo del cobalto ha come causa principale che il governo della Repubblica Democratica del Congo ha aumentato le tasse relative al metallo. Il Congo è il principale esportatore di cobalto nel mondo, e l’instabilità politica del paese (come c’è ora) fa oscillare il suo prezzo in modo piuttosto forte. In totale, si stima che il 60% delle riserve mondiali di cobalto siano presenti.

Vi consiglio di leggere
Ora è possibile controllare droni e computer a mani nude

Samsung utilizza nelle sue batterie una serie di tecnologie che utilizzano leghe di nichel, cobalto e manganese, oltre a nichel, cobalto e alluminio. Questi materiali sono i più popolari per la loro efficienza e facilità d’uso nel processo di produzione. Per mitigare l’effetto negativo dell’aumento del prezzo del cobalto, il gigante sudcoreano Samsung ha aumentato la percentuale di nichel nelle batterie oltre il 90%, lasciando il cobalto ad appena il 5%.

Ma l’azienda non ha intenzione di rimanere lì, e a quanto pare anche di dispensare tutto il cobalto nelle future batterie. Così, risparmiano l’acquisto di un minerale costoso ed evitano di acquistarlo in un paese dove i lavoratori sono sfruttati. Paesi come il Canada o l’Australia stanno aumentando la produzione di cobalto perché si stanno scoprendo più miniere, quindi la dipendenza dal Congo potrebbe diminuire.

Anche il riciclaggio delle batterie di corrente è un’opzione che viene presa in considerazione

Le batterie attuali hanno già il cobalto, e il riciclaggio di quelle che usano i vecchi cellulari è una grande fonte di questo materiale. Infatti, il 15% del cobalto consumato negli Stati Uniti proviene dal riciclaggio. Questo settore è in piena espansione in tutto il mondo a causa dell’aumento dei prezzi, oltre alle aziende che migliorano la loro immagine di fronte all’impegno per l’ambiente per gli effetti positivi di queste pratiche.

Vi consiglio di leggere
OMG! Samsung Galaxy Note 9 per offrire 512 GB di memoria interna

Pertanto, il gigante sudcoreano Samsung dovrebbe investire in aziende di riciclaggio e stipulare contratti a lungo termine per ottenere materiali da questo tipo di fonti. Il CEO di Samsung SDI, Jun Young-Hyun, ha com…