Microsoft rivela quali dati Windows 10 raccoglie segretamente dal PC

Microsoft raccoglie una quantità enorme di dati dai suoi utenti. Tuttavia, Microsoft ha ora deciso di essere trasparente sulle sue pratiche di raccolta dei dati diagnostici.Microsoft ha apportato alcune modifiche alla sua dichiarazione sulla privacy. L’aggiornamento dei creatori di Windows 10 permetterà agli utenti di scegliere tra il livello di base e quello completo di raccolta dei dati.

Microsoft rivela quali dati Windows 10 raccoglie segretamente dal PC

Ebbene, dobbiamo tutti ammettere che il lancio di Windows 10 è sempre stato una preoccupazione per tutti gli utenti di computer. In primo luogo, abbiamo visto Microsoft spingere aggressivamente l’aggiornamento di Windows 10 sui computer che eseguono la versione precedente di Windows.

Ebbene, allo stesso tempo sappiamo anche che Microsoft raccoglie una quantità enorme di dati dai suoi utenti. Tuttavia, Microsoft ha ora deciso di essere trasparente sulle sue pratiche di raccolta dati diagnostici.

L’aggiornamento dei creatori di Windows 10 atterrerebbe sul vostro computer la prossima settimana. Microsoft ha apportato alcune modifiche alla loro dichiarazione sulla privacy. Windows 10 creators update permetterà agli utenti di scegliere tra un livello base e un livello completo di raccolta dati.

Image Source: blogs.windows.com

Beh, se parliamo di livello base, includerà dati come la compatibilità delle applicazioni, informazioni relative alla qualità, Windows Store, informazioni sul dispositivo, informazioni sulla sicurezza. Se volete conoscere le informazioni dettagliate relative alla raccolta dati sia di livello base che di livello completo, allora dovete visitare il sito web TechNet.

Vi consiglio di leggere
Questo programmatore arrabbiato invia l'esercito dei bot dopo che i truffatori di Windows supportano il supporto di Windows

Image Source: blogs.windows.com

Secondo Microsoft, la raccolta dei dati di livello base svolge un ruolo fondamentale per mantenere Windows 10 sicuro e aggiornato. Terry Myerson in un post del blog…