Google rivela un FLAW in Windows 10 S che Microsoft non riesce a rappezzare

Recentemente, il team del gigante tecnologico Project Zero di Google ha rivelato pubblicamente una vulnerabilità che colpisce il noto e più sicuro sistema operativo di Microsoft, naturalmente Windows S. Di conseguenza, il gigante tecnologico Microsoft sta ancora una volta soffrendo l’imbarazzo di non aver colmato in tempo una grave vulnerabilità.

Google rivela un FLAW in Windows 10 S che Microsoft non riesce a rappezzare

Garantire la sicurezza dei sistemi operativi è essenziale Dopo le scoperte devono essere affrontate il prima possibile. Il gigante tecnologico Microsoft ha un difetto nel suo Windows 10 S e, ancora una volta, il gigante tecnologico Google lo ha rivelato prima che venga risolto.

Non è la prima volta che il gigante tecnologico Google anticipa il gigante tecnologico Microsoft e rivela al mondo i difetti di sicurezza dei prodotti della casa che ha creato Windows. Si tratta di una situazione che lascia gli utenti vulnerabili in quanto può portare allo sfruttamento.

Ancora una volta questa situazione si è verificata e il gigante tecnologico Google, nel suo Progetto Zero, ha rivelato un difetto prima che venisse risolto. Questa volta è di medio livello e quello interessato è Windows 10 S.

Il fallimento dell’annuncio, anche se non di grande importanza, può causare l’esecuzione del codice senza l’autorizzazione dell’utente e i suoi dati potrebbero essere rubati.

Vi consiglio di leggere
L'adolescente muore mentre cerca di staccare la spina del cellulare all'Internet Cafe

Quando il gigante tecnologico Google ha scoperto il problema, ha immediatamente allertato il gigante tecnologico Microsoft. Questo è successo il 19 gennaio di quest’anno. Non essendo riuscito a risolvere il problema al rilascio dell’aggiornamento di sicurezza delle patch di aprile, Microsoft ha chiesto di ritardare la divulgazione del guasto.

Essendo al di fuori del periodo di 90 giorni che Google offre per risolvere i problemi, questa richiesta è stata rifiutata, e il bug è stato ora rivelato ed esposto al mondo.

Questo bug colpisce i sistemi che hanno Device Guard attivo, rendendo Windows 10 S il target primario, avendo questa opzione abilitata di default. Va notato che il guasto può essere sfruttato solo con l’accesso fisico alla macchina e la macchina deve già eseguire il codice dell’aggressore.

Non si sa ancora quando il gigante tecnologico Microsoft rilascerà questo aggiornamento, ma questa rivelazione dovrebbe ora accelerare la sua correzione. La bassa penetrazione di Windows 10 S, che ha addirittura causato profondi cambiamenti nel concetto, riduce ulteriormente il livello di gravità di questo fallimento.

La cosa curiosa di questa situazione, a parte il fatto che è stata rivelata prima che Microsoft la risolvesse, e che sta interessando una versione di Windows che è stata identificata come la più sicura e conosciuta per la protezione degli utenti e dei loro dati. Questo rovescia l’invulnerabilità di questa versione.

Vi consiglio di leggere
OnePlus ha appena lanciato la propria crittovaluta

Allora, cosa ne pensi di questo? Condividi semplicemente tutte le tue opinioni e i tuoi pensieri nella sezione commenti qui sotto.