Come programmare un plc

Corso Plc

È difficile trovare un posto di lavoro nella programmazione PLC. La realtà è che è difficile padroneggiare le piattaforme hardware e software senza avere una certa esperienza nel settore manifatturiero. Molto probabilmente noterete che quasi tutti i lavori “entry-level” in questo campo elencheranno almeno alcuni anni di esperienza nella sezione dei requisiti. Se avete completato un corso, avete un PLC su cui avete fatto pratica e vi sentite a vostro agio nel rispondere a domande di programmazione PLC di base, dovreste candidarvi.

Nel mercato attuale, i datori di lavoro hanno un estremo bisogno di programmatori che magari non hanno tutte le conoscenze, ma sono disposti a imparare e sono in grado di dimostrare questa capacità durante il colloquio. Inoltre, si rendono conto che la conoscenza dell’hardware e del software necessaria per ricoprire questi incarichi è estremamente difficile da reperire.Lavori di programmazione PLC – Ispezione dei pannelli SiemensCosa aspettarsi per i lavori di programmazione PLC di livello base

Un datore di lavoro che voglia assumere un programmatore PLC entry-level richiederà una laurea in ingegneria elettrica o in tecnologia ingegneristica. Entrambi questi programmi dimostrano la capacità di apprendimento del candidato e un certo grado di competenza nei sistemi elettrici. Tuttavia, è possibile dimostrare le stesse conoscenze attraverso una formazione professionale, un corso online o progetti realizzati nell’ambito dei sistemi di controllo. Nell’ultimo decennio, i datori di lavoro sono diventati molto più aperti a percorsi di apprendimento non tradizionali; alcuni possono persino preferire i progetti dimostrati a una laurea.

È facile programmare un PLC?

È difficile trovare un lavoro di programmazione PLC entry level. La realtà è che è difficile padroneggiare le piattaforme hardware e software senza avere una certa esperienza nel settore manifatturiero.

  Cos e un dispositivo elettronico

Quali sono le basi della programmazione dei PLC?

Per ogni dispositivo PLC esistono quattro fasi operative di base: Scansione degli ingressi: Identifica lo stato di tutti i dispositivi di ingresso collegati al PLC. Scansione del programma: Implementa la logica di programma creata dall’utente. Scansione delle uscite: Attiva o disattiva tutti i dispositivi di uscita collegati.

Tutorial sul plc

Un controllore logico programmabile, o PLC, è più o meno un piccolo computer con un sistema operativo (OS) integrato. Questo sistema operativo è altamente specializzato e ottimizzato per gestire gli eventi in arrivo in tempo reale, cioè nel momento in cui si verificano.

Il PLC dispone di linee di ingresso, alle quali sono collegati i sensori che segnalano gli eventi (ad esempio, la temperatura al di sopra o al di sotto di un certo livello, il raggiungimento del livello di un liquido, ecc.), e di linee di uscita, alle quali sono collegati gli attuatori che agiscono o segnalano le reazioni agli eventi in arrivo (ad esempio, l’avvio di un motore, l’apertura/chiusura di una valvola, ecc.)

Il sistema è programmabile dall’utente. Utilizza un linguaggio chiamato “Relay Ladder” o RLL (Relay Ladder Logic). Il nome di questo linguaggio implica che si sta simulando la logica di controllo di un tempo, costruita con i relè.

Un controllore logico programmabile, PLC o controllore programmabile, è un computer digitale utilizzato per l’automazione di processi elettromeccanici tipicamente industriali, come il controllo dei macchinari nelle catene di montaggio delle fabbriche, delle giostre o degli apparecchi di illuminazione. I PLC sono utilizzati in molte macchine e in molti settori. I PLC sono progettati per disporre di più ingressi e uscite digitali e analogiche, per avere intervalli di temperatura estesi, per essere immuni ai disturbi elettrici e per resistere alle vibrazioni e agli urti. I programmi per il controllo del funzionamento della macchina sono in genere memorizzati in una memoria a batteria o non volatile. Un PLC è un esempio di sistema in tempo reale “rigido”, poiché i risultati di uscita devono essere prodotti in risposta alle condizioni di ingresso entro un tempo limitato, pena il verificarsi di operazioni non volute.

  Come ripristinare i cristalli liquidi

Imparare la programmazione dei plc

Le unità di controllo PLC possono essere programmate con speciali linguaggi di programmazione grafici o testuali. I dispositivi PLC di solito non hanno le tradizionali funzioni di input e di visualizzazione e non hanno nemmeno interfacce grafiche di visualizzazione, o queste sono solo su un piccolo schermo. Di solito i programmi devono essere scritti nell’ambiente di sviluppo di un computer e poi trasferiti ai dispositivi PLC.

Gli strumenti PLC sono utilizzati in quasi tutti i settori dell’automazione industriale, dei trasporti, dei dispositivi medici, delle case automatizzate, della gestione dei bagagli negli aeroporti, dei parchi di divertimento, della ventilazione e del condizionamento di grandi edifici, solo per citarne alcuni.

La programmazione PLC può essere appresa in corsi o in modo elettivo sotto forma di formazione per adulti nelle scuole. Nell’elenco delle professioni introdotto nel 2021, la professione di tecnico dell’automazione nel settore elettrotecnico è quella che contiene le competenze di programmazione PLC.

Oltre alla tradizionale formazione per adulti, anche le aziende organizzano corsi di PLC. Ad esempio, presso Siemens è possibile apprendere diversi segmenti della programmazione PLC in blocchi, in corsi di formazione della durata di pochi giorni.

Tutorial sulla programmazione dei PLC

Avrete probabilmente sentito parlare di Ladder Logic, l’onnipresente linguaggio di programmazione PLC preferito da molti professionisti dell’industria. Ma quanto ne sapete degli altri quattro linguaggi di programmazione PLC più comuni? La realtà è che la maggior parte delle organizzazioni industriali ha PLC programmati in diversi linguaggi. Imparando a conoscere meglio tutti questi linguaggi, potrete ampliare le vostre capacità di programmazione dei PLC e ottenere un vantaggio sui programmatori meno flessibili.

  Arduino dht22 esempio

La logica ladder, nota anche come diagramma ladder, è un linguaggio di programmazione PLC grafico basato sui diagrammi di circuito della logica a relè. La logica ladder consiste in due barre parallele collegate da una serie di pioli, che assomigliano a una scala (da cui il nome). Su questi pioli sono presenti contatti e bobine, che simboleggiano rispettivamente gli ingressi (come il valore di un sensore) e le uscite (come il comando di marcia di un motore).

La stragrande maggioranza della programmazione dei sistemi di controllo in Nord America utilizza la logica ladder, e per una buona ragione. È flessibile, versatile, semplice da risolvere e facile da imparare. Un inconveniente, tuttavia, è che una volta che una scala raggiunge un certo numero di pioli, può diventare ingombrante e deve essere suddivisa in più scale per la manutenzione.

Esta web utiliza cookies propias para su correcto funcionamiento. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Más información
Privacidad